Associazione              Eventi              Fotografie              Articoli              Giornale OnLine              Contatti

     
     

IL CENTRO CULTURALE TABIESE festeggia i suoi primi 45 anni di storia

 

In una sala gremita di gente presso il Grand'Hotel Londra di Sanremo 

Venerdì 17 Marzo 2017 alle ore 20 si è inaugurato l'anno sociale 2017 del Centro Culturale Tabiese intitolato "Storia, territorio e cultura della collaborazione".

Durante la serata, introdotta dal discorso di apertura del presidente M° Giorgio Revelli, si è presentato al pubblico il nutrito programma d eventi che costelleranno questo anno sociale, consegnati diversi attestati di merito a realtà locali e persone che hanno collaborato con il Centro Culturale Tabiese durante tutto l'anno precedente 2016, stretto primi accordi di collaborazione con nuove istituzioni al di fuori del territorio locale, come la Fondazione "Cesare Pavese" di Santo Stefano Belbo, rappresentata dal suo presidente Dott. Vaccaneo.

Prossimamente

 

26 Marzo 2017 

GIORNATA FAI DI PRIMAVERA IN COLLABORAZIONE CON IL CENTRO CULTURALE TABIESE.

------------------------------------------------------------------

Domenica 9 Aprile 2017

Viaggio a Genova tra l'arte di Modigliani, Villa Pallavicini e la prestigiosa gastronomia di "Zeffirino" fiore all'occhiello della cultura ristorativa genovese..

------------------------------------------------------------------

Sabato 29 - Domenica 30 Aprile 2017

VIAGGIO A PIACENZA: 

Guercino a Piacenza viaggio nel Seicento (visita alla Cupola, Palazzo Farnese, castelli e gastronomia

------------------------------------------------------------------

Nato dallo spirito di iniziativa di alcuni giovani studenti di Taggia il Centro Culturale Tabiese compirà nel 2017 i suoi primi 45 anni di attività. Lo studio per la valorizzazione, la tutela e la promozione del territorio della stessa città di Taggia e del territorio limitrofo è sempre stato il punto focale dell' attività associativa. Oggi, oltre a rispettare e tutelare l'operato dei nostri predecessori, noi tutti sentiamo altrettanto forti alcune esigenze del nostro presente.

Alcuni punti essenziali: sostenere una maggiore ed obiettiva coesione con le altre associazioni del territorio, culturali e non; rafforzare la qualità di ogni proposta, elemento ormai sempre più raro perchè poco considerato; intensificazione della collaborazione con gli enti scolastici di ogni grado e formazione; sostegno dell'identità di gruppo al fine di rendere fattiva la partecipazione dei nostri soci in seno all'associazione stessa.